Italia e Cina sono sempre più unite da un filo nerazzurro, rossonero e in futuro di chissà quale altro colore!

A parte gli scherzi, però, sempre più famiglie cinesi mandano i propri figli a studiare nel Belpaese.

Il fascino dell’Italia, infatti, ha attratto negli ultimi anni un numero sempre crescente di studenti cinesi.

Università d’Italia amate dai cinesi

Le ultime statistiche, pubblicate nel febbraio 2016 dalla Farnesina, parlano di ben 2.489 allievi cinesi che hanno fatto domanda di iscrizione in una università italiana. Con un aumento, rispetto all’anno precedente, del 46%.

In testa agli atenei italiani preferiti dagli studenti cinesi, c’è l’Università di Bologna; subito dietro il Politecnico di Milano, l’Università di Firenze, l’Università Milano Bicocca e il Politecnico di Torino.

Dall’Università del Sichuan, inoltre, confermano che “Sempre più famiglie cinesi possono permettersi di mantenere l’istruzione dei figli all’estero, e l’Italia è sicuramente tra le mete più gettonate”.

Curiosità sulla Cina

Non sono solo cinesi a venire in Italia: sempre più studenti italiani decidono di andare in Cina a studiare la lingua ufficiale cinese.

Ecco qualche brand italiano che ormai batte bandiera cinese: Inter, Milan, Pirelli, OM Carrelli, Cerruti, Krizia, Benelli. E come senon bastasse, i cinesi si sono affacciati anche nei capitali di Unicredit, Mps, Intesa, Generali, Mediobanca, Enel, Eni e Cdp Reti.

Con circa 350mila residenti, la comunità cinese è la quarta comunità di stranieri in ordine di numerosità.

E più di un laureato, non comunitario, su sei è cinese.