Il Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale dell’Università di Udine ospita la mostra “Gilberto Barburini. Tra Terra e Cielo“.

Undici opere del pittore e grafico pubblicitario scomparso nel dicembre del 2016.

L’inaugurazione dell’esposizione si terrà giovedì 15 febbraio alle 17.30, nella sala del Lampadario di palazzo Caiselli, in vicolo Florio 2/b.

Le opere saranno illustrate dalla moglie dell’artista, Carla Papucci, che nell’occasione donerà al Dipartimento udinese un dipinto in acrilico su compensato.

Gilberto Barburini in mostra

La mostra comprende un nucleo che delinea il percorso dell’autore tra Venezia, Milano, Udine e Buja negli oltre 30 anni di attività.

Rimarrà visitabile fino a venerdì 30 marzo, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19.

L’opera donata al Dipartimento udinese è Senza titolo (Tra terra e cielo), acrilico su compensato di 87×66 centimetri realizzato nel 1993, dal titolo esplicativo, in quanto Barburini non era solito assegnarne uno ai suoi lavori, di non immediata comprensione.

LEGGI ANCHE: Rarissima mostra su Anna Karenina alla Ca’ Foscari di Venezia

Chi era Gilberto Barburini?

Nato a Sedegliano nel 1927 e morto a Udine nel 2016, dopo il diploma al Liceo artistico di Venezia, frequentò gli studi di Emilio Vedova e Nino Franchina.

Successivamente si specializzò in Scenografia all’Accademia di Brera.

Svolse la sua attività di grafico pubblicitario come art director e consulente per aziende italiane e internazionali tra gli anni Sessanta e Ottanta, dedicandosi anche alla produzione pittorica.

LEGGI ANCHE: Esposta alla Statale di Milano l’imponente opera di Jannis Kounellis