Spesso la vita di uno studente universitario può essere piena di emozioni nuove, divertimenti, successi, che prima di accedere al mondo universitario sembravano sconosciuti.

Una di quelle cose che prima di entrarci pensavi di poter vedere solo in qualche film ambientato in campus con feste da urlo, biblioteche tranquille e lezioni che nascondono sempre concetti che terrai dentro te per sempre, vere e proprie lezioni di vita che non scorderai.

Eppure, non sempre è così.

Gli studenti universitari sono esseri umani

Siamo esseri umani e la vita universitaria non sempre può sembrare una commedia americana, in realtà il percorso può essere anche pieno di ostacoli, fallimenti, ed emozioni che non vorremmo mai provare.

Immagina di preparare un esame al meglio, e ritrovare la tua vita al peggio, senza qualcuno che amavi e che ti ha lasciato troppo presto solo in questo mondo.

Ognuno di noi starà pensando a qualcuno in questo momento, un parente, un amico, un nonno o un genitore.

La verità è che ognuno di noi, qualcuno che ha avuto una grande perdita, dedica in fondo ogni suo successo universitario, a una persona che ha significato tutto.

E forse è questo senso di dovere che ci rende così motivati, appassionati, ma allo stesso tempo a volte ci fa sentire  non all’altezza della persona a cui lo stiamo dedicando.

Spesso si tratta di una persona che ha sempre creduto in noi, che ci ha sempre appoggiato e spronato ad andare avanti, e fare i conti con la mancanza non è facile.

Si può superare un esame, una delusione, un professore che sembra terribile, ma non la morte. In realtà un lutto può cambiarti, può farti crescere e vedere tutto ciò che prima vedevi in un modo, in maniera diversa.

LEGGI ANCHE: Giulia, morta di cancro a 2 esami dalla laurea, verrà proclamata dottoressa

Si studia e si vive soprattutto per chi ha creduto in te

Non vivi solo per te, non studi solo per te, cerchi di mettercela tutta anche per quella persona che ti ha fatto arrivare lì anche con i suoi insegnamenti che valgono più di ogni lezione tenuta dal più facoltoso professore.

Il segreto è andare avanti, senza dimenticare mai chi hai accanto, perché anche se non puoi vederla, quella persona è lì accanto a te a fare il tifo per il tuo futuro.

Un lutto può cambiarti, ma anche fortificarti , perché dopo averlo provato non darai precedenza alle superficialità della vita, alle feste da film o a scappare dal professore più temuto.

Darai precedenza a ciò che vale, a te stesso, alle potenzialità che la persona che ti ha lasciato ha sempre riconosciuto in te.

Dedicherai a te e a lei ogni successo, e questo vi farà sentire ancora più vicini a lei, nel vostro piccolo mondo.

Rialzatevi e rendete fieri i vostri cari di ciò che siete perché loro lo erano e lo saranno sempre, che sia un 30 o un 18 ad un esame e anche se a volte la vita sembra difficile vivetela per loro, sorridete per loro anche per ogni fallimento perché anche quello un giorno sarà servito quando arriverete al traguardo più ambito, al meglio.

Ognuno di noi ha una battaglia, dobbiamo conviverci o affrontarla senza aver paura di ciò che ci attende e con la consapevolezza che in realtà non siamo soli e non lo saremo mai.

E se va male riprovate sempre, d’altronde o la va o la spacca.