Le tesi di dottorato non sono di certo delle letture semplici o comunque accessibili a tutti.

Eppure, di recente, una di queste è diventata semplicemente il documento più scaricato dal sito dell’Università di Cambridge.

E come potrebbe essere altrimenti, visto che il saggio in questione è firmato da Stephen Hawking e dall’anno della sua composizione, il 1966, è stato reso disponibile in rete per la prima volta.

[themoneytizer id=”16529-1″]

La tesi di Stephen Hawking scaricabile in Rete

Proprietà degli universi in espansione è il titolo del documento e tratta del Big Bang e della nascita del cosmo.

Con questa tesi, Hawking conseguì il dottorato in Matematica presso il prestigioso ateneo di Cambridge ad appena 24 anni.

Lui stesso, infatti, ha autorizzato l’ateneo a pubblicare l’elaborato, scaricabile sulla piattaforma pubblica Apollo, con l’obiettivo di stimolare nuovi studiosi.

“Ogni generazione sale sulle spalle dei giganti che ci sono stati prima, esattamente come io feci come giovane dottorando di Cambridge, ispirato dai lavori di Newton, Maxwell e Einstein”.

Così Hawking, che ha poi continuato: “È meraviglioso sentire di tanta gente che mostra interesse per la mia tesi, sperando che non ne rimanga delusa”.

“Mi auguro di spingere sempre più persone nel mondo ad alzare gli occhi verso le stelle e a guardare non solamente ai propri piedi; a meravigliarsi e a farsi domande sul posto nell’universo sul quale viviamo e a provare a dare un senso al cosmo”.

LEGGI ANCHE: Studenti e laureati poco preparati su competenze digitali: la ricerca

Il documento più scaricato di sempre a Cambridge

Com’era facilmente prevedibile, le richieste di download del file, disponibile in tre diversi formati, sono state veramente tantissime.

L’ateneo inglese si augura che la generosità intellettuale di Hawking possa spingere altri studenti e ricercatori a condividere liberamente i propri studi, facendo così circolare più velocemente il Sapere e renderlo bene collettivo.

LEGGI ANCHE: #SonoStudenteAnch’io”: ironia e riflessione nel video dell’ateneo di Sassari

[themoneytizer id=”16529-16″]