Da una normale stanza di studente fuorisede a amministratore della sua azienda con 19 dipendenti e quasi un milione di euro di fatturato.

Questa, in estrema sintesi, è la storia della start up Chebuoni, nata dall’idea di Valentino Marangi (nella foto), ex studente di Informatica a Bologna.

Cos’è Chebuoni?

L’idea di base della start up è semplicissima: avere sott’occhio promozioni e sconti per risparmiare sugli acquisti.

Questa l’idea iniziale con cui, nel 2013, Valentino ha creato Chebuoni aumentando in pochi anni il volume d’affari.

Da “semplice” aggregatore di buoni sconto e promozioni, la start up si è trasformata presto in una macchina pubblicitaria.

Sono gli stessi utenti, infatti, che forniscono dati e preferenze utili per ricavare profili sempre più dettagliati.

LEGGI ANCHE: Il discorso di Zuckerberg ai neolaureati di Harvard: “Avere uno scopo”

Più di 2 milioni di utenti in Italia

Ad oggi, gli utenti di Chebuoni hanno superato quota 2,2 milioni; e il numero cresce di circa 200mila al mese.

La start up ha già trovato referenti per aprire uffici a Parigi, Madrid e Monaco, mentre in Italia sta ampliando il proprio organico.

L’investitore italo-albanese

Agron Shehaj, italo-albanese giunto in Italia nel 1991 su un barcone, è passato dall’essere cliente a primo investitore.

Lo scorso anno, infatti, ha investito 2,8 milioni di euro acquisendo il 40% di Chebuoni, valutata circa 7 milioni di euro.

LEGGI ANCHE: Addio Roaming: rivoluzione per chiamate e dati dall’estero. Il vademecum