Tra i 100 migliori atenei al mondo, oltre alla solita pattuglia di università angloamericane, c’è anche un’italiana: la Sapienza di Roma.

Il più grande ateneo d’Europa conquista, infatti, il 67esimo posto a livello mondiale nella classifica università CWUR 2018.

La graduatoria è stilata dal Centre for World University Rankings (CWUR), società che si occupa di fornire consulenza in materia di educazione e ha il proprio quartier generale negli Emirati Arabi.

L’elenco è stilato annualmente analizzando le performance di oltre 18mila università rispetto a una serie di indicatori e selezionando solo le migliori mille.

Il podio della classifica università CWUR 2018 è interamente territorio statunitense, ma in graduatoria hanno trovato posto ben 45 atenei italiani.

Classifica università CWUR 2018: trionfa Harvard

Ormai abbonata a stare sempre in vetta, anche in questa graduatoria è Harvard a occupare la prima posizione.

La blasonata università americana precede, nell’ordine, le connazionali Stanford e MIT di Boston.

La medaglia di legno della classifica università CWUR 2018 va, invece, alla britannica Cambridge, che precede la rivale storica Oxford.

Per trovare un ateneo non angloamericano occorre scendere fino alla 12esima posizione, occupata dalla University of Tokyo.

Al di là di Cambridge e Oxford, invece, la prima delle istituzioni europee è lo University College London, che si piazza in 21esima posizione.

LEGGI ANCHE: A Milano e Roma nasce l’università part-time: ecco di cosa si tratta

Sapienza uni 67esima, in crescita di 17 posizioni rispetto al 2017

Per quanto riguardagli atenei italiani, il meglio piazzato nella classifica 2018 è la Sapienza.

L’università romana si conferma nella top 100 e, guadagnando 17 posizioni rispetto alla precedente edizione, si attesta al 67esimo posto al mondo.

Dietro di lei c’è la Statale di Milano, che si piazza 148esima. Tra le prime 200 al mondo ci sono anche Padova (150esima) e Firenze (185esima). Fuori per un soffio da questo gruppo c’è poi Bologna, che ottiene la 201esima posizione.

In totale sono 45 le università italiane che sono riuscite a entrare nella classifica università CWUR 2018.

Sono riuscite a inserirsi tra le migliori 300 al mondo anche Torino (208esima), Napoli Federico II (247esima), Tor Vergata di Roma (283esima) e Pisa (285esima).

LEGGI ANCHE: Le 15 lauree professionalizzanti: 80% di laureati occupati entro un anno

Gli indicatori della classifica università CWUR 2018

Gli indicatori su cui si basa la classifica università CWUR 2018 sono sette: qualità della formazione; tasso di occupazione dei laureati; qualità della docenza; produzione scientifica; qualità della ricerca; prestigio internazionale; numero di citazioni sulle riviste.

La Sapienza ha ottenuto ottime valutazioni soprattutto rispetto al prestigio internazionale, voce che la vede 34esima al mondo, e alla produzione scientifica (61esima).

Comprensibilmente soddisfatta la reazione del rettore Eugenio Gaudio, che a proposito del piazzamento del proprio ateneo nella classifica università CWUR 2018 ha commentato: “L’adozione di criteri oggettivi relativi all’attività scientifica, non basati su mere analisi reputazionali premia la Sapienza, collocandola al primo posto in Italia e nel gruppo di testa a livello internazionale”.

fonte: universita.it