L’acquisto di una casa è sempre qualcosa che al solo pensiero mette quintali di ansia addosso.

Ma, fortunatamente, ogni tanto lo Stato regala qualche buona notizia e aiuta realmente chi ha più bisogno.

In questo caso, quando si parla di acquistare una casa, spesso e volentieri sono i giovani ad avare maggiore bisogno di aiuto.

Fondo di garanzia per la prima casa: ecco come funziona?

Da adesso in poi, i giovani che intendono richiedere un mutuo per comprare la prima casa avranno qualche aiuto dallo Stato.

Questo Fondo di garanzia è un’agevolazione che aiuta nella richiesta di credito per l’acquisto della prima casa.

Praticamente lo Stato si fa garante per voi. Inoltre, l’attivazione del fondo si può fare sia per l’acquisto della casa, sia per interventi di ristrutturazione e miglioramento dell’efficienza energetica della prima casa.

In concreto, il Fondo copre il 50% delle somme richieste per aprire il mutuo.

LEGGI ANCHE: Libri usati universitari: ecco dove trovarli facilmente

Chi può accedere al Fondo?

Il Fondo di garanzia dello Stato consente di avere le garanzie necessarie per l’accesso al credito da parte delle banche.

Come già detto, questo permetterà di avvalersi della garanzia del fondo statale sul 50% della quota capitale del mutuo ipotecario.

Il limite dell’importo del mutuo è di 250 mila euro, è vincolato all’acquisto di immobili non di lusso, da adibire a prima casa, e l’immobile dovrà essere situato sul territorio nazionale.

Ecco chi ne può beneficiare:

  • giovani coppie, sposate o conviventi, in cui almeno uno dei due abbia un’età inferiore ai 35 anni;
  • nuclei familiari con un solo genitore, non coniugato, separato, divorziato o vedovo con almeno un figlio minorenne a carico;
  • lavoratori under 35 atipici;
  • chi vive in alloggi di proprietà degli Istituti Autonomi Case Popolari.

LEGGI ANCHE: Leggere libri gratis? Ecco alcune app che lo permettono

Come richiederlo?

Per poter accedere al Fondo di garanzia bisogna presentare domanda alla Banca (che deve essere tra quelle aderenti all’iniziativa del Governo) o all’Intermediario finanziario.

Qui potete trovare l’elenco degli istituti di credito che aderiscono all’iniziativa (l’elenco è in continuo aggiornamento).

Per presentare la domanda, è necessario compilare la modulistica che potete scaricare qui: modulo_domanda_per_clienti.