Si concludono sabato 10 marzo le iscrizioni al primo corso di alta formazione per “Specialista in Social media e Comunicazione digitale” dell’Università degli Studi dell’Insubria.

Il Corso mira quindi a formare professionisti della comunicazione in ambito digitale e dei social media.

Specialista in Social media e Comunicazione digitale

La didattica è basata su lezioni frontali e project work e offre tutte le competenze necessarie per lavorare nei diversi ambiti.

Si tratta di una figura professionale capace di organizzare strategie e azioni comunicative attraverso new media e strumenti digitali.

Il corso si rivolge a diplomati, laureati e persone già occupate che intendano valorizzare l’uso di strumenti e tecniche digitali.

Gli studenti dell’Insubria potranno fruire anche di 6 crediti formativi.

I moduli didattici sono:

  • Società multimediale;
  • Marketing, Social media e Comunicazione digitale;
  • Web e social network: Etica e normative di  regolazione;
  • L’inglese per il Web e per i Social Media;
  • Le forme della comunicazione giornalistica online;
  • Uffici stampa e social media;
  • La comunicazione televisiva.

LEGGI ANCHE: PoliMi, Sapienza e Bocconi tra i 10 migliori atenei al mondo: le classifiche

Dove e come partecipare

Le lezioni avranno luogo a Varese, in Via Monte Generoso dal 13 marzo al 15 maggio, dalle ore 18,00 alle ore 21,00.

In totale si tratta di 48 ore in presenza e 12 ore di apprendimento online.

La quota di partecipazione è di 250 euro.

Le iscrizioni si chiudono sabato 10 marzo e per iscriversi bisogna inviare il modulo allegato al bando alla mail [email protected].

Va allegato il documento di riconoscimento e la ricevuta di versamento della quota di iscrizione specificando la seguente causale: Iscrizione al Corso in “Specialista in Social media e Comunicazione digitale”.

Saranno accettati al massimo 60 partecipanti.

Per consultare e scaricare il bando https://www.uninsubria.it/postlauream/corso-di-alta-formazione-specialista-socialmedia-e-comunicazione-digitale

LEGGI ANCHE Le cinque lauree più inutili del 2017 secondo AlmaLaurea