Che l’Università di Bologna, fondata nel 1088, sia considerata la più antica al mondo è cosa risaputa.

Non a caso, infatti, si fregia del motto di Alma Mater Studiorum, ossia Madre prolifica delle università.

Questo perché fu la prima in cui venne introdotto un metodo nuovo e che da allora si diffuse in tutto il mondo.

LEGGI ANCHE: Ammesso nei 20 migliori atenei: la sua reazione è da pelle d’oca

I metodi prima dell’università di Bologna

Precedentemente alla diffusione del metodo “bolognese”, i modelli di insegnamento nel mondo erano tre:

  • quello praticato da dotti precettori, nelle regge nobiliari a crescere nobili rampolli;
  • quello religioso, praticato in istituti di teologia diretti a formare i futuri sacerdoti;
  • le scuole di carattere filosofico, legate ad una specifica disciplina e concepite come aggregazioni di seguaci impegnate a discutere la dottrina di un maestro comune.

Un esempio noto di istituti di carattere religioso è quello dell’Università al-Qarawiyyin, che nacque come e fu fino al XIX secolo una madrasa, cioè una scuola di teologia islamica e non un’università in senso moderno, carattere che assunse solamente nel 1963.

Nonostante questa precisazione, alcune fonti la indicano erroneamente come l’ateneo più antica al mondo.

Il Guinness dei primati la considera comunque come l’ente d’istruzione più antico al mondo.

Ecco comunque l’elenco delle più antiche, in attività continuativa.