Riportiamo una notizia apparsa su Il Resto del Carlino, che ha dell’incredibile, in cui una ragazza neomamma era stata esclusa dall’università di Bologna poiché era con la bambina.

«Perché tacere? Ho alzato la voce per tutte le future mamme e anche per mia figlia. Questo le insegnerò». Nina, neanche tre settimane di vita, dopo aver pianto per più di un’ora, adesso dorme tranquilla cullata dalla mamma.

Voce da ragazza e una grinta indomabile, Emanuela Peracchi è stata buttata fuori dall’aula 3 di via Zamboni 38 dal tutor del corso Tfa per il sostegno da lei frequentato.

Non prima di aver pagato all’Alma Mater 3mila euro e aver superato le selezioni.

«La correggo subito: ci hanno buttate fuori. Hanno buttato fuori me e la mia bambina».

Esclusa dall’università perché era con la figlia neonata

Riavvolgiamo il calendario a due mesi fa.

«Ho partecipato, superandole, alle preselezioni per il Tfa sul sostegno (corso di abilitazione per insegnare ai bambini con disabilità, ndr). Ero già incinta. Ho sostenuto l’orale il 30 maggio, il 9 giugno ho partorito».

A fine giugno, partono le lezioni.

«Durano otto mesi, stando in aula dalle 9 alle 18 con una pausa pranzo di un’ora. Mi preoccupo subito di chiedere all’Ateneo come dovevo comportarmi. La bambina è molto piccola e non potevo certo lasciarla a casa».

L’Alma Mater cosa le risponde?

«Per docenti non c’è nessun problema; affermano che non sono la prima né sarò l’ultima a studiare con una bambina. Ma il tutor del corso mi risponde che, per una questione assicurativa, non potevo entrare in classe con la bambina. Al massimo potevo seguire le lezioni dal corridoio».

Quindi?

«Ho frequentato lo stesso. I docenti mi hanno detto di non preoccuparmi, il personale mi metteva a disposizione un’aula in cui allattare o far riposare la bambina. Da notare che siamo due mamme con figli appena nati a frequentare».

Il tutor affermava il contrario, però. Come poteva entrare?

«La mattina, per la presenza, venivano altre persone».

Fino a ieri.

«Già. Mi ha fermato e inveito contro. Gli ho spiegato che ero sempre entrata e che Nina non aveva mai disturbato. Ha ripetuto la litania dell’assicurazione».

E poi?

«Davanti a tutti i corsisti (circa 200, ndr), mi ha urlato che dovevo fare una scelta: o stare con mia figlia o seguire il corso».

E l’altra mamma che frequenta l’abilitazione?

«Questa mattina (ieri, ndr) è arrivata in ritardo e non era presente».

Ti trema la voce per la rabbia.

«Nina mi ha sentito agitata ed è scoppiata a piangere. Non riuscivo a calmarla. Io volevo solo andare a lezione. A quel punto c’è stata una sollevazione dei compagni che si sono infuriati, difendendomi. Quindi hanno scritto una email infuocata all’Ateneo, alla Commissione Pari Opportunità della Regione e all’Assessorato alle Pari opportunità del Comune».

Una solidarietà trasversale, essendoci uomini e donne in quel Tfa.

«Esatto».

L’Ateneo si è fatto vivo?

«Certo, si sono scusati e, comunque, sono andata lo stesso a lezione».

Qualcuno direbbe: perché piantare questa grana?

«Siamo nel 2019, non nel Medioevo. In tutto il mondo, le madri allattano il figlio al lavoro. Anche al Parlamento europeo. Perché io non posso? Ho alzato la voce per tutte le future mamme e anche per mia figlia. Questo le insegnerò».

LEGGI ANCHE: Ecco come confrontare e scoprire le lauree che rendono di più