All’Università degli Studi di Bergamo, studenti e laureandi diciamo che l’hanno presa benissimo!

Dalla seconda metà di luglio, infatti, non potranno più festeggiare la fine del loro percorso di studi all’interno dell’edificio accademico.

La scorsa settimana, il rettore Remo Morzenti Pellegrini ha inviato una mail a tutti gli iscritti comunicando loro l’inasprimento del regolamento sulle feste di laurea.

LEGGI ANCHE: Istituita la prima cattedra universitaria di Storia del calcio

Niente più festeggiamenti di laurea dentro l’università di Bergamo

A portare a questa decisione sono stati i problemi del maggio scorso, quando i festeggiamenti di alcuni laureati sono andati un po’ oltre la semplice goliardia, sfociando nell’uso di fumogeni, di petardi e in cori certo non proprio da signori.

Nei giorni successivi, uno dei due organi dell’Ateneo, il Senato Accademico, ha allora approvato delle nuove linee guida.

Successivamente, i consiglieri del Consiglio di Amministrazione dell’Università hanno optato per il pugno di ferro, aggiungendo a quelle linee guida prescrizioni ben più severe da rispettare durante i festeggiamenti.

Tuttavia, leggendo le linee guida allegate dal rettore alla mail inviata agli studenti, non si leggono divieti specifici.

Indicazioni di massima, buone prassi da seguire, ma non le stesse cose che si leggono sui cartelli che sono iniziati a spuntare in giro per le sedi universitarie della città e che vietano l’ingresso negli edifici di cibi e bevande o l’affissione di volantini.

fonte: BergamoPost