Vent’anni di ricerca, didattica e innovazione: tempo di bilanci per l’Università di Milano-Bicocca che il 10 giugno 2018 festeggia i vent’anni dalla fondazione.

L’innovazione nella ricerca è passata attraverso importanti investimenti infrastrutturali e il consolidamento della posizione nella Vqr Anvur.

In questa classifica, che nasce dal rapporto sulla qualità della ricerca, Milano-Bicocca risulta nella top ten degli atenei italiani.

LEGGI ANCHE: Milano-Bicocca è il primo ateneo italiano con due donne al vertice

Milano-Bicocca, tra didattica e nuovi progetti

Sul fronte della didattica, nell’ultimo triennio sono stati introdotti cinque nuovi corsi di studio in lingua inglese.

E da gennaio 2018, novità anche per quanto riguarda la certificazione delle competenze informatiche.

L’Ateneo si è impegnato anche nella costruzione di nuovi spazi per la diffusione del sapere ai cittadini, stringendo rapporti sempre più forti con il territorio.

Ne è un esempio la nascita del Distretto Bicocca e il Boulevard dell’innovazione.

Un percorso che idealmente collega la Collezione d’arte contemporanea della Deutsche Bank a La Sequenza di Fausto Melotti nel giardino di Pirelli HangarBicocca.

Il campus Bicocca è sempre più aperto, senza nessun tipo di barriere fra la comunità accademica e quella cittadina.

Negli ultimi anni l’Ateneo ha investito nella ristrutturazione dell’ex Pro Patria Milano per dare avvio al progetto del Bicocca Stadium e nella realizzazione della scuola dell’infanzia Bambini Bicocca.

LEGGI ANCHE: 2 laureati su 3 rifarebbero la stessa scelta: i dati gruppo per gruppo

Meno abbandoni e più lavoratori

Ma soprattutto l’Ateneo ha investito sulle persone attraverso didattica, progetti di formazione e collaborazione sempre più stretta con le aziende.

Tutto ciò ha fatto registrare una significativa diminuzione degli abbandoni universitari, che dal 2011 al 2016 sono diminuiti del 41,3%.

Incoraggiante anche il dato occupazionale: a cinque anni dal conseguimento del titolo magistrale lavora l’84% dei laureati.

Per quanto riguarda i dottorati di ricerca, invece, a 12 mesi dal conseguimento del titolo lavora l’88% dei dottori.

Le celebrazioni del ventennale andranno avanti con mostre, convegni, spettacoli e eventi sportivi per tutto l’anno accademico 2017/2018.