Giochi di luce e ombre” è lo spettacolo scritto e interpretato da studenti di Milano-Bicocca e detenuti di Opera.

Prima di tutto, l’obiettivo del progetto è dare vita ad un’esperienza formativa e sociale che possa essere replicata in altre città.

Universitari e detenuti insieme

Lo spettacolo sarà il primo di un tour per l’Italia con l’obiettivo di esportare in altre università e carceri l’esperienza che ha accomunato Opera e Bicocca.

Il progetto complessivo, inoltre, prevede corsi ad hoc, repliche di insegnamenti attivi nell’Ateneo milanese e procedure d’iscrizione semplificate.

Nel 2014 è stato anche lanciato l’Open day in carcere dell’Università Bicocca con la presentazione agli studenti-detenuti dei corsi universitari.

LEGGI ANCHE: Come funziona Mobike, il bike sharing libero di Milano e Firenze?

Gli appuntamenti

Venerdì 22 settembre alle ore 18

Nella sede centrale della Biblioteca di Ateneo sarà presentato il libro “Università@Carcere – Il divenire della coscienza.

Tra gli ospiti, interverranno:

  • Alberto Giasanti, docente presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale;
  • Giacinto Siciliano, direttore della Casa di reclusione di Opera;
  • Maurizio di Girolamo, direttore della Biblioteca di Ateneo.

Il libro, più di tutto, testimonia l’incontro fra società e carcere, in maniera tale da farlo conoscere il più possibile.

Sabato 23 settembre alle ore 20,45

Nell’Auditorium Guido Martinotti dell’Università di Milano-Bicocca si svolgerà lo spettacolo teatrale “Giochi di luci e ombre”.

Sei studentesse e sette persone detenute porteranno in scena frammenti di storie di vita.

L’ingresso, inoltre, è a offerta libera e il ricavato sarà destinato alla realizzazione del documentario della tournée “Giochi di luci e ombre”.

LEGGI ANCHE: Sciopero generale dei trasporti: bollino nero il 27 ottobre