“Tanti nomi hanno contrassegnato la storia di questo Ateneo che ha avuto anche il merito storico della prima donna laureata al mondo”.

Questa citazione tratta dal discorso del Presidente della Repubblica Mattarella, per l’Inaugurazione del 796° Anno Accademico dell’Università di Padova, introduce il convegno con cui l’Ateneo vuole onorare la figura di Tullio Levi-Civita.

Una figura di cui i matematici padovani sono fieri, come lo sono per quello di Galileo Galilei.

LEGGI ANCHE: Ex studente dell’Università di Padova va in Siria per combattere l’Isis

Il matematico padovano che perfeziono la Relatività

Tullio Levi-Civita nella primavera del 1915, a pochi mesi dalla pubblicazione della Relatività Generale, si accorse di un errore che ne avrebbe minato la validità.

Subito scrisse ad Einstein e suggerì anche un modo per correggerlo.

Einstein, dopo un’iniziale riluttanza, riconobbe la correttezza degli argomenti del padovano a cui rimarrà grato per tutta la vita.

Levi-Civita inventò la teoria del Trasporto Parallelo, cruciale nella geometria della Relatività Generale.

Oltre ad occuparsi tra l’altro di stabilità delle orbite dei pianeti e della matematica dei cavi intercontinentali del telegrafo.

Le leggi di “difesa della razza” del 1938 lo allontanarono definitivamente dall’università e da tutte le istituzioni scientifiche italiane, mentre nel mondo libero se ne celebrava la grandezza.

L’eredità di Tullio Levi-Civita, questo il titolo della due giorni che si svolgerà da lunedì 19 alle ore 9.30 in Aula Magna a Palazzo del Bo in via VIII febbraio, 2 a Padova, e che proseguirà martedì 20 febbraio dalle ore 9.00 in Aula 1C150 alla Torre Archimede in via Trieste, 63 a Padova.

Gli studi di Levi-Civita hanno avuto impatto non solo sulla matematica ma anche sulla fisica gravitazionale, l’astronomia e l’ingegneria civile.

Saranno quindi quattro grandi personalità internazionali della fisica, della matematica e della storia della scienza a tenere conferenze scientifiche pensate per un pubblico generalista e accessibili a tutti.

Da Thibault Damour (IHES France) a Héctor J. Sussmann (Rutgers University), da Judith R. Goodstein (Caltech) a Giulio Peruzzi (Università di Padova).

Alle ore 12.15 di lunedì 19 febbraio è prevista l’assegnazione del Premio Internazionale “Tullio Levi-Civita”.

LEGGI ANCHE: L’Università di Padova in soccorso dei fuorisede: corso di cucina gratis