Dai dati del rapporto Eurostat sull’educazione, l’Italia è il secondo peggior Paese dell’Unione Europea per laureati tra i 30 e i 34 anni.

L’Italia, inoltre, è quintultimo per tasso di abbandono scolastico di ragazzi tra i 18 e i 24 anni.

Sempre più laureati entro il 2020

Europa 2020 ha due obiettivi:

  • arrivare ad avere il 40% di laureati tra i 30 e i 34 anni;
  • raggiungere una percentuale inferiore al 10% di persone senza un diploma secondario, entro appunto il 2020.

Nel 2016 i possessori di una laurea sono saliti al 39,1%, contro il 23,6% di 15 anni fa, anno in cui è cominciato il progetto.

Per quanto riguarda il tasso di abbandono scolastico complessivo, è passato dal 17% al 10,7%.

E negli altri stati d’Europa?

Al primo posto, con un bel 58,7% di laureati, c’è la Lituania.

A seguire ci sono Lussemburgo (54,6%), Cipro (53,4%) e Irlanda (52,9%).

La percentuale più bassa (2,8%) di persone tra i 18 e i 24 anni che non hanno raggiunto un diploma secondario spetta alla Croazia.