Andreas Hamel è professore di matematica della Libera università di Bolzano, ma è anche appassionato di giocoleria.

“Gli studenti del primo anno sgranano gli occhi quando metto le palline da giocoliere sul tavolo e chiedo: cosa si può fare qui con la matematica”, racconta all’Ansa il tedesco trapiantato a Brunico.

“Quando poi – spiega – mi metto a fare il giocoliere e traduco tutto in matematica, ammettono che non è neanche tanto difficile”.

LEGGI ANCHE: Laureati in Ingegneria pagati il 34% in più di chi lo è in materie letterarie

Matematica e giocoleria, un metodo sviluppato a Princeton

Hamel ha sviluppato il suo metodo didattico all’università di Princeton.

“Ho avuto esperienze positive negli asili e nelle scuole, funziona però anche con gli adulti, gli studenti universitari e persino con gli anziani”.

Il professore, inoltre, è stato eletto “best teacher” dagli studenti della facoltà di Economia.

Con il laureando Daniel Kostner ha appena terminato un progetto con il quale introduce nella statistica un concetto che consente “di paragonare ed elaborare anche quantità di dati dalle dimensioni più alte e riuscire ad estrarne informazioni”.