A Parma quattro tappe di un viaggio nel tempo proposto dalla rassegna “Libri di Storia – Incontri con gli autori”.

Saranno quindi quattro appuntamenti con la storia a Palazzo del Governatore, uno al mese.

“Libri di Storia – Incontri con gli autori” a Parma

Si comincia il 23 febbraio con Lisa Roscioni, docente di Storia moderna all’Università di Parma, e il suo “La badessa di Castro. Storia di uno scandalo”.

Poi si continua il 14 marzo, il 20 aprile e il 22 maggio.

Al centro di ogni incontro ci sarà un libro, una novità editoriale d’argomento storico, intorno al quale si organizzerà la discussione alla presenza dell’autore e di altri esperti.

Una riflessione a più voci aperta a tutti gli interessati, per avvicinare la storia al pubblico e per proseguire in quell’azione di “disseminazione culturale” che l’Ateneo, spesso di concerto con il Comune, sta offrendo alla città e al territorio.

La partecipazione agli incontri è valida come aggiornamento per gli insegnanti che si iscriveranno attraverso la piattaforma S.O.F.I.A. (www.istruzione.it/pdgf)

LEGGI ANCHE: Leggere libri gratis? Ecco alcune app che lo permettono

Calendario degli appuntamenti – Palazzo del Governatore, ore 16.30

  • Venerdì 23 febbraio

Lisa Roscioni, La badessa di CastroStoria di uno scandalo, Bologna, il Mulino, 2017

  • Mercoledì 14 marzo

Andrea Giardina (a cura di), Storia mondiale dell’Italia, Roma-Bari, Laterza, 2017

  • Venerdì 20 aprile,

Marina Gazzini, Storie di vita e di malavita. Criminali, poveri e altri miserabili nelle carceri di Milano alla fine del medioevo, Firenze, Firenze University Press, 2017

  • Martedì 22 maggio

Anna Esposito, Franco Franceschi, Gabriella Piccinni (a cura di), Violenza sulle donne. Una prospettiva medievale, Bologna, il Mulino, 2018

Simona Feci, Laura Schettini (a cura di), La violenza contro le donne nella storia. Contesti, linguaggi, politiche del diritto (secoli XV-XXI), Roma, Viella, 2017

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili

LEGGI ANCHE: La riscossa delle lauree umanistiche: sempre più lavoro per loro