Quante volte avete sentito parlare di riscatto della laurea?

Se non sapete di cosa si tratti, leggete la nostra guida e poi tornate qui!

Ieri sera, il governo ha varato il decreto su reddito e pensioni, all’interno del quale si parla anche di riscatto della laurea, per agevolare i giovani con carriere discontinue a “coprire” buchi contributivi con costi limitati.

Si prevede che si possano riscattare fino a 5 anni con un versamento minimo.

Sconto del 30% per il riscatto della laurea

“Non c’è nessun adeguamento alla speranza di vita, c’è la possibilità di riscattare in maniera agevolata gli anni della laurea“, ha detto il vicepremier Matteo Salvini.

Lo sconto per riscattare gli anni universitari “sarà del 30%” ha sottolineato il ministro del Lavoro Luigi Di Maio.

Per il riscatto degli anni di laurea bastano 5.241 euro annui

Un ammontare uguale per tutti di 5.241,30 euro di contributo annuo da pagare per ogni anno di studio.

Costerà quindi di meno riscattare la laurea per aumentare gli anni di anzianità pensionistica contributiva.

La norma stabilisce una modalità di contribuzione ridotta possibile fino a 45 anni d’età.

Lo sconto – calcolato dalla Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro – è sostanzioso: un lavoratore in regime contributivo, che guadagna 40.000 euro avrebbe infatti pagato circa 13.200 euro l’anno, circa il 60% in più.