La studentessa Lara non ce l’ha fatta a sostenere un peso forse troppo pesante per la sua giovane età.

A 19 anni, infatti, forse non ci si rende conto del reale peso delle situazioni e si tende magari ad esasperare tutto.

La giovane studentessa ha deciso di togliersi la vita per un indebitamento e dopo aver perso, causa esami non dati, il posto alla Queen Mary’s University di Londra.

Il padre della studentessa non è riuscito a salvarla

Tragedia infinita, quella di Lara Calthrop, che ha coinvolto anche il padre.

La polizia ha detto che la notte prima del suicidio era stata trascorsa da Lara nella zona di Tunbridge Wells e che mentre tornava a casa ha chiamato il padre, dicendogli che si stava dirigendo verso la stazione.

Quest’ultimo si era precipitato ovviamente alla stazione.

Al suo arrivo, però, non c’è stato nulla da fare e ha dovuto sentire la frase più tremenda per un genitore: “sua figlia è morta“.

“Le parlavamo quotidianamente e ora abbiamo il cuore spezzato perché non si è mai aperta con noi con le difficoltà che stava affrontando”, queste le parole della mamma.

“Per noi, quei problemi erano tutti risolvibili, ma un 19enne non sempre razionalizza allo stesso modo degli adulti”.

“Ciò che Lara ci ha insegnato è che esiste una cosa come l’amore incondizionato e avremmo cercato di aiutarla, qualsiasi cosa essa fosse”.

“Era un’amica straordinariamente leale, metteva sempre i bisogni emotivi degli altri davanti a suoi. Ora ci manca disperatamente, ma vogliamo pensare anche ai nostri altri due figli adolescenti che hanno bisogno del nostro sostegno più che mai ora”.

LEGGI ANCHE: Abolire il 3+2, la triennale non è utile per trovare lavoro: una lettera