Ecco il punto 30 del Contratto di governo definitivo tra M5S e Lega, dedicato ad Università e Ricerca.

Ve lo riportiamo integralmente.

Università e Ricerca

Nel corso degli ultimi anni il nostro Paese si è contraddistinto a livello europeo per una continua riduzione degli investimenti nel comparto del nostro sistema universitario e di ricerca.

È pertanto urgente e necessario assicurare un’inversione di marcia.

È prioritario incrementare le risorse destinate all’università e agli Enti di Ricerca e ridefinire i criteri di finanziamento delle stesse.

Il sistema universitario e il mondo della ricerca dovranno essere maggiormente coinvolti nello sviluppo culturale, scientifico e tecnologico del nostro paese, contribuendo ad indicare gli obiettivi da raggiungere e interagendo maggiormente con tutto il sistema Paese.

Sarà dunque fondamentale implementare la terza missione delle università attraverso la loro interazione con gli altri centri di ricerca e con la società.

Attraverso una costante sinergia con la Banca per gli investimenti saremo in grado di assicurare maggiori fondi per incrementare il nostro livello di innovazione, rendendoli efficaci ed eliminando gli sprechi.

Intendiamo incentivare, inoltre, lo strumento delle partnership pubblico-private, che consentiranno, di fatto, un maggior apporto di risorse in favore della ricerca.

I centri del sapere, università e centri di ricerca in primis, oltre a garantire la fondamentale ricerca di base, dovranno altresì contribuire a rendere il sistema produttivo italiano maggiormente competitivo e propenso alla valorizzazione delle attività ad alto valore tecnologico.

LEGGI ANCHE: Sciopero dei docenti universitari: ecco l’elenco aggiornato

Riformare il sistema dell’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica

Occorrerà riformare il sistema dell’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM), nell’ottica di potenziare un settore storicamente e culturalmente importantissimo per l’Italia.

È necessario avere una classe docente all’altezza delle aspettative, eticamente ineccepibile.

Occorre riformare il sistema di reclutamento per renderlo meritocratico, trasparente e corrispondente alle reali esigenze scientifico-didattiche degli atenei, garantendo il regolare turn-over dei docenti.

Occorre incentivare l’introduzione di nuove norme per garantire al maggior numero possibile di studenti l’accesso ai gradi più alti degli studi.

Tra questi figurano la necessità di ampliare gli strumenti e le risorse per il diritto allo studio, incrementando così la percentuale di laureati nel nostro Paese, oggi tra le più basse d’Europa, e la revisione del sistema di accesso ai corsi a numero programmato, attraverso l’adozione di un modello che assicuri procedure idonee a verificare le effettive attitudini degli studenti e la possibilità di una corretta valutazione.

Più beneficiari della No-Tax area

Amplieremo la platea di studenti beneficiari dell’esenzione totale dal pagamento delle tasse di iscrizione all’università, la cosiddetta No-Tax area.

Fondamentale sarà l’implementazione dell’Alta formazione tecnologico-professionale.

Occorrerà armonizzare il sistema delle lauree professionalizzanti e degli Istituti Tecnici Superiori al fine di aumentare il numero di studenti in questi percorsi di formazione terziaria.

Un intervento importante dovrà riguardare l’innovazione didattica ed in particolare quella digitale.

Sarà incentivata l’offerta formativa on line e telematica delle università statali attraverso finanziamenti finalizzati, nonché meglio regolamentata l’offerta formativa delle università telematiche private.

Tra coloro che maggiormente hanno sofferto l’attuale condizione di difficoltà del sistema italiano troviamo il personale delle nostre università e dei nostri enti di ricerca.

Nonostante le difficoltà e le scarse risorse a disposizione, il nostro sistema è riuscito a raggiungere nel suo complesso risultati eccellenti.

Pertanto è necessario incrementare significativamente le risorse finanziarie per valorizzare i nostri docenti e ricercatori.

Assicurando adeguate condizioni lavorative e superando la precarietà che in questi anni ha coinvolto in misura sempre maggiore anche il mondo universitario e della ricerca.

LEGGI ANCHE: Studenti lanciano una fotopetizione contro lo sciopero dei docenti

Meno baroni negli atenei

Intendiamo intervenire con strumenti che liberino quelle università in cui è ancora forte la presenza di baronati che sfruttano in maniera illegittima le risorse e il personale.

Per un reale rilancio dei nostri atenei occorre, infatti, garantire la presenza di sistemi realmente meritocratici ed aperti a tutti coloro che intendano proseguire nella carriera accademica, senza il timore di veder limitate le proprie aspettative da coloro che utilizzano in maniera indebita il proprio potere.

Occorre inserire un sistema di verifica vincolante sullo svolgimento effettivo, da parte del docente, dei compiti di didattica, ricerca e tutoraggio agli studenti.

Innovazione e capitale umano competente sono essenziali, nella società della conoscenza, per rendere competitivi i territori, anche quelli “marginali” e montani di cui il Paese è ricco.

Territori le cui specificità geografiche e socio-economiche richiedono, senza più indugio, una particolare attenzione, anche del mondo dell’università e della ricerca, sia per la definizione di modelli di sviluppo ad hoc che per la messa a punto di interventi di formazione, disseminazione della conoscenza, innovativi e tecnologici, propedeutici alla creazione di valore dalle risorse specifiche.

Verranno perciò promosse, valorizzate e potenziate esperienze e attività di formazione e ricerca in tal senso.

Semplificazioni burocratiche

Non è più procrastinabile la semplificazione della legislazione universitaria attraverso la redazione di un testo unico.

Occorrerà apportare dei correttivi alla governance del sistema universitario e all’interno degli stessi atenei.

Ridisegnando il ruolo dell’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca per renderlo uno strumento per il governo (e non di governo), e individuando puntualmente i soggetti che potrebbero contribuire nei processi decisionali, a cominciare dal CUN, organo elettivo di rappresentanza del mondo universitario.

Gli Enti pubblici di Ricerca italiani svolgono oggi attività essenziali per lo sviluppo della ricerca e dell’innovazione del nostro Paese.

Il modello italiano prevede un sistema estremamente frammentato, scarso coordinamento fra gli enti e un carente coinvolgimento sulle questioni di assoluta rilevanza strategica in materia di politiche per lo sviluppo del Paese.

Per coordinare e raccordare strutturalmente gli Enti e Centri di ricerca sarà creata un’Agenzia Nazionale della Ricerca.

LEGGI ANCHE: L’università in Italia continua a crescere: boom di iscrizioni. Ecco dove