Con ottobre ricomincia l’anno accademico: per molti ragazzi si tratta di un ritorno all’università, ma tanti altri iniziano una nuova avventura.

Gli esami sembrano ancora lontani ma chi ben comincia è a metà dell’opera: ecco allora alcune tecniche consigliate da Skuola.net che aiuteranno a ricordare al meglio le nozioni imparate a lezione e apprese dai libri.

Università: le tecniche di memoria

Fissa obiettivi realistici. Personalizza i tuoi obiettivi e prepara fin dai primi giorni di università una programmazione efficace, tenendo anche conto dei giorni durante i quali non potrai studiare. Crea un vero e proprio programma di studio a lungo termine, che rispetti i tuoi tempi e il tuo metodo di studio, ricreando una routine quotidiana simile a quella scolastica.

Studia per spiegare. Non studiare come se dovessi imparare, ma con l’obiettivo di trasmettere le conoscenze a qualcuno o spiegare ciò che hai letto. E’ un piccolo trucco per comprendere a fondo ciò che si sta leggendo, interiorizzandolo per poi presentarlo adeguatamente. Utilissimo è ripetere davanti ad uno specchio o ad alta voce, proprio come durante una lezione o una conversazione.

LEGGI ANCHE: La laurea allunga la vita: lo dice uno studio del Ministero della Salute

Tieni il tempo. Il cervello umano, mediamente, è in grado di mantenere alti livelli di concentrazione per 40’-45’ al massimo. Allo scadere dei tre quarti d’ ora, è necessario uno sforzo maggiore per rimanere attenti. Come fare, quindi, per rendere al meglio? Semplice, suddividerei i tempi. Alterna sessioni di studio da 40-45’ a pause da 15’ a ripassi da 5’.

Usa le immagini.  Associare immagini ai concetti è un’ ottima tecnica per memorizzare al meglio anche grandi quantità d’ informazioni. Tanto più l’associazione coinvolgerà immagini strane o bizzarre, tanto più facilmente ricorderai l’associazione.

Crea una mappa “mentale”. Le mappe mentali sono un metodo di sintesi schematico e intuitivo, molto utile per memorizzare argomenti e materie anche complessi. Partendo da un concetto centrale, si procede con ramificazioni che sviluppano diversi aspetti e correlazioni. la mappa è utile perché, con un colpo d’occhio, può riportare alla mente tutte le informazioni che ruotano intorno un determinato tema. La mappa funziona ancora meglio se si usano disegni, colori e personalizzazioni, procedendo per associazione di immagini.

Ripasso: parti dall’indice. L’indice è uno strumento prezioso per ricapitolare ciò che hai studiato, perché ricostruisce l’intero percorso di studio in tappe essenziali. Può essere utile ad avere una visione d’insieme e fare collegamenti logici, facilitando così la memorizzazione.

fonte: Leggo.it