Siamo irrefrenabilmente attratti dalle tentazioni, dal peccato e da tutto ciò che ci sia di contrario al buon ordine delle cose. Quanti stronzi riconoscete? Ne descriviamo pochi, ma la lista è lunga ed il cammino ancora più tortuoso.

Stronzi: le tre tipologie regine

1) LO STRONZO POLIGAMO/EXTRACONIUGALE: non è pressoché in grado di proteggere la sua monogamia. “Melius abundare quam deficere”, il motto della sua casata. Le vuole tutte: alte, basse, magre, curvy, tettone, culone, androgine. Intinge il biscottino dove lo porta il cuore, ma intende mantenere vive tutte le sue relazioni. Da anni impegnato nella lotta alla delegificazione della clonazione, terrorizzato dalla possibilità di non riuscire a soddisfare tutte le sue prede;

2) LO STRONZO DA UNA BOTTA E VIA: forse il più sincero della specie; chiarisce senza riserve le sue intenzioni ma segue le procedure standard di conquista. Abbindola il bozzolo, lo coccola, lo cucina a fuoco lento e solo una volta pronto lo trasforma in farfalla. Ispirato da sempre alle macchine fotografiche usa e getta, si serve di Letizia per stimolare lo starnuto, si pulisce il naso con Patrizia, chiede a Maurizia di gettare il fazzoletto;

3) LO STRONZO PARANOICO: ha paura del futuro, cittadino residente dell’isola che non c’è, attaccato al cordone di mammà senza pietà, il nostro Peter Pan non crede nelle sue capacità sociali, tantomeno nei suoi legami; ha paura dell’ombra dei suoi peli e si astiene da progetti a lunga scadenza;

Ai piedi del podio

4) LO STRONZO “IO NON TI MERITO”: quello che, analfabeta dalla nascita, assiduo lettore di riviste come “Cioè” è “Top Girl”, alla ricerca di spiegazioni migliori su quanto messo in atto dal mondo femminile, si libera degli intralci afferrando le redini di posizioni scomode quanto deboli. Il trucco della vittima a cui nemmeno le pareti credono più. Ma poi, che Minchia vuol dire “io non ti merito”? cosa c’è una classifica a punti su cosa è meglio per noi? ;

5) LO STRONZO CODARDO: ricomprende quasi tutte le categoria già citate. Non compie azioni dirette, manda segnali in modo che la donna agisca per rappresentanza, senza che ve ne sia la delega. Con gesti, parole mute, silenzi assordanti, lancia messaggi evidenti, scaricando le responsabilità sul partner ed uscendone vittorioso come Garibaldi a cavallo;

6) LO STRONZO COL PESO DEL MONDO SULLE SPALLE: quello che, è troppo difficile trovare la coordinazione tra queste vite pesanti e sofferenti. Guerre mondiali, conflitti territoriali, fame nel mondo, relazioni degli amici, l’università, il lavoro: tutto grava con malessere sulla sua schiena; non ha tempo per dedicarsi alle sue relazioni, deve tutelare la natura proteggendo  l’ Aproteles bulmerae, Pipistrello frugivoro di Bulmer, specie protetta dal WWF e minacciata dalla stessa natura;

7) LO STRONZO CHE RIGIRA LE FRITTATE: “non voglio ferirti, non è mia intenzione insultarti ma sei una baldracca da passeggio, dall’animo infido e col cuore gelido come il mare d’inverno! Io ti ho messo le corna solo perché tu mi tiravi le coperte nel letto, perché hai dosato male la pasta per il pranzo; mi hai spinto a tradirti perché ti ho detto mille volte che i profumi dolci mi irritano, e perché mai una volta che spremessi il dentifricio dal basso, sempre dal centro. Ora capisci cosa tu mi hai spinto a fare?”.