Uniplaces, portale leader nel mercato degli affitti agli studenti con oltre 50.000 annunci di proprietà online, rivela i motivi per cui circa l’80% degli universitari intervistati preferisce la vita d’appartamento, rispetto a quella presso le residenze universitarie.

Perché l’appartamento? Casa dolce casa.

L’indipendenza è la principale ragione per cui gli studenti prediligono il classico appartamento rispetto a scelte più vicine ai campus universitari e alle residenze. Al secondo posto il fatto di ‘sentirsi più a casa’, il comfort del proprio divano, la propria cucina e l’intimità delle quattro pareti si confermano un fattore fondamentale, così come la privacy, al terzo posto.

  1. Indipendenza
  2. Sentirsi più a casa
  3. Privacy
  4. Vivere come uno del posto
  5. Stare più tranquillo
  6. Non piace con troppa gente
  7. Meno regole
  8. Posto unico

Perché la residenza per universitari? Più social.

Il fatto di ‘conoscere altra gente‘ è la prima motivazione per cui 3 studenti su 10 preferirebbero vivere in una residenza studentesca, scegliendola rispetto all’appartamento. Attira la percezione che nei campus si svolga una vita più movimentata e dinamica, a confermarlo la ‘vita da studente’ e il fatto che ‘succede sempre qualcosa’ tra le ragioni sul podio di questa preferenza.

  1. Conoscere altra gente
  2. Vita da studente
  3. Succede sempre qualcosa
  4. Esperienza condivisa
  5. Servizi offerti
  6. Sicurezza
  7. Non piacere vivere da soli

LEGGI ANCHE: Studenti di Milano-Bicocca raccolgono i dati 2017 di Spotify: ecco cosa è uscito

Il costo dell’indipendenza

Oltre il 60% degli studenti intervistati è disposto a pagare un affitto mensile tra i 400 e i 500 euro per vivere in un appartamento. Mentre un fortunato 10% ha ammesso che potrebbe sborsare mensilmente anche fino a 700 euro.

In quanto ai costi effettivi, oltre il 20% paga un affitto di 700 euro, un altro 20% paga comunque tra i 600 e i 700 euro, mentre quasi il 30% sborsa mensilmente tra i 500 e i 600 euro d’affitto.